EUROPA: Apple adesso offre i rimborsi entro 14 giorni per App Store e Itunes

Se vivi nell’Unione Europea e non sei soddisfatto dell’acquisto di un software, adesso hai 2 settimane per richiedere indietro i tuoi soldi e senza ulteriori domande.

L’azienda produttrice di Iphone ha istituito il rimborso entro 14 giorni senza porre domande a riguardo per tutti i contenuti acquistati attraverso Itunes, l’app Store e iBooks.
La normativa si applica solo a tutti gli utenti residenti nei paesi membri dell’Unione Europea ed è valida solo se l’utente non scarica deliberatamente i media da uno dei propri dispositivi. Non si applica a media o applicazioni regalate attraverso Itunes.
Sebbene Apple non abbia pubblicizzato la novità, il sito tedesco IFun ha scovato la revisione della normativa lo scorso lunedì.

2000px-Apple_logo_Think_Different_vectorized.svg

Prima di questo cambiamento Apple ha autorizzato gli utenti a cancellare una transazione dal proprio account fino al punto di consegna. Considerato che il download di canzoni e app avviene automaticamente, questo significa che tutte le decisioni di acquisto sono essenzialmente finali fino all’inserimento della password per approvare la transazione.
I termini di Apple per i rimborsi adesso citano quanto segue:

“Diritto di cancellazione – se decidi di cancellare il tuo ordine, potrai farlo entro 14 giorni dal momento di ricezione della ricevuta senza la necessità di fornire spiegazioni. Unica eccezione: i regali di Itunes i quali non possono essere rimborsati una volta riscattato il codice.”
Il cambiamento arriva dopo nuova direttiva dell’UE sui diritti dei consumatori entrato in vigore nel mese di giugno. Tra le altre modifiche al commercio on line , come il divieto per le caselle già spuntate su siti web, la direttiva chiede alle imprese di essere più sensibili circa le politiche di restituzione di beni e servizi estendendo la politica di ritorno , per qualsiasi motivo, a due settimane dal precedente periodo di sette giorni .

Non è chiaro perché Apple abbia aspettato ad istituire l’aggiornamento , ma la direttiva non prevede sanzioni per la mancata comunicazione della corretta politica per gli utenti . ” Se un consumatore non è informato in modo chiaro su questo periodo di sospensione da parte del commerciante, il periodo di recesso è automaticamente esteso a un anno “, si legge in una pagina UE sulla direttiva .Apple non era immediatamente disponibile per un commento .
Per gli utenti negli Stati Uniti , Canada e altri paesi non protetti dal diritto dell’Unione europea , Apple può ancora rifiutare di rimborsare un acquisto e può emettere solo un rimborso in casi selezionati , come problemi tecnici o di mancata consegna . Ancora i reclami sono trattati caso per caso attraverso i canali ufficiali di supporto di Apple

Google Play, d’altra parte , ha una finestra di due ore per i media e rimborsi app in tutto il mondo , ma non sembra avere aggiornato le sue politiche per mostrare il cambiamento di 14 giorni per i contenuti acquistati da coloro che vivono nell’Unione Europea. La società , tuttavia , precisa la sua politica di rimborso di 14 giorni per gli abbonamenti musica Google Play per gli utenti europei .
Fonte


Warning: A non-numeric value encountered in /homepages/11/d558932988/htdocs/clickandbuilds/Techantology/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 308